Il sito web dedicato alla riabilitazione

 

Borsite retrocalcaneare

La borsite retrocalcaneare e la borsite sottocutanea sono infiammazioni che colpiscono la borsa sierosa retrocalcaneare o quella sottocutanea, che si trovano nella zona di inserzione del tendine d'Achille sul calcagno, rispettivamente fra il tendine e il calcagno e in sede sottocutanea. La borsa agisce come un cuscinetto lubrificante tra l’osso del calcagno ed i tendini sovrastanti, rendendo più scorrevoli e fluidi i movimenti oltre a creare una protezione dei tessuti sottostanti.




Questa patologia provoca dolori nella zona del calcagno che possono irradiarsi nella parte posteriore della pianta del piede, anche di notevole intensità. Le borse interessate sono dolenti alla pressione ed alla palpazione e il calcagno, nella fase acuta, è arrossato, caldo e gonfio. Esami ecografici e radiografici permettono di evidenziare il processo infiammatorio e individuare eventuali patologie associate dell'osso.

Le cause di queste infiammazioni possono essere:
- di tipo anatomico (spina calcaneare, piede cavo, ecc.);
- l'utilizzo di calzature inadatte o usurate;
- allenamenti eccessivi o errati.

Da notare che anche un plantare fatto male (troppo spesso e che alza troppo il contatto del calcagno con la scarpa) può provocare una borsite.

Trattamento:
E' necessario, innanzitutto, un periodo di stop di 15-20 giorni circa dalle eventuali attività sportive intense durante i quali si utilizzeranno le seguenti terapie:
- crioterapia
- pomate o cerotti antinfiammatori (nei primi giorni della patologia)
- calzare il meno possibile scarpe che possano irritare le borse
- Ultrasuoni ad immersione (nella fase sub-acuta)
- Onde d'urto (nella fase cronica)
- mesoterapia o infiltrazioni.

Nei casi inveterati e resistente alla terapia medica e fisioterapica, si deve intervenire chirurgicamente per asportare le borse e modificare il calcagno.

Torna a Caviglia e Piede

Torna a Patologie

 

Le pagine hanno solo finalità divulgative ed educative, non costituiscono mezzo per autodiagnosi o di automedicazione, non sostituiscono la visita medica, che rappresenta il solo strumento per impostare un efficace trattamento terapeutico.